Il C.F.N. ha accolto la richiesta dell’associazione Avvocaticalcio. Soddisfatto il Presidente Avv. Claudio Pasqualin: “Si ripudia l’obbligo di iscrizione presso un registro che vede legittimati ad iscriversi soggetti di ogni genere senza qualificazione alcuna competenza certificata da un esame abilitativo“.

Gli avvocati potranno esercitare l’attività  di procuratore senza dover necessariamente essere iscritti al nuovo registro della Federcalcio. Lo ha stabilito il C.F.N. (Consiglio Nazionale Forense) rispondendo all’istanza dell’associazione Avvocaticalcio.

Secondo l’avvocato Claudio Pasqualin la riforma imposta ad Aprile dal dimissionario presidente della Fifa Sepp Blatter, che di fatto abolisce la figura dell’Agente FIFA, “non liberalizza ma invece semplicemente dequalifica l’attività  dei procuratori”.

Inconcepibile quindi l’obbligo a iscriversi a un registro formato da soggetti senza alcuna qualifica né competenza certificata.Sempre per decisione del C.F.N. gli avvocati sono esentati dall’obbligo di depositare in Federcalcio i mandati con i calciatori e le società .

La notizia è stata riportata da:

CORRIERE DELLO SPORT
TUTTOMERCATO WEB

In allegato a questo articolo il pdf del comunicato ufficiale:

2015.07.31_Parere-Ass.-Avvocaticalcio_Per-invio